Martin Seligman e la felicità

Ho trascorso la mia vita lavorando con persone veramente infelici, e mi sono chiesto, che cosa rende queste persone infelici diverse da tutti voi? Sei anni fa, me lo sono chiesto riguardo alle persone molto felici, in che cosa sono diverse da tutti voi? E abbiamo trovato una cosa. Non sono più religiose, non sono più in salute, non sono più ricche, non sono più belle, non hanno piu eventi piacevoli e meno disgrazie. C’è una sola differenza: sono molto socievoli. Non stanno seduti ai seminari il sabato mattina. (Risate) Non trascorrono del tempo da soli. Ognuno di loro ha una relazione d’amore e ognuno ha numerosi amici.

Questo è Martin Seligman, il padre della psicologia “positiva”, la persona che ha indagato a fondo come l’ottimismo possa veramente cambiare la nostra vita.

Guarda questo video (o leggi la trascrizione) e poi lascia, se vuoi, un tuo commento.

Quando ero presidente dell’Associazione Psicologica Americana mi facevano fare il tirocinio con i media,e un incontro che ho avuto con la CNN riassume quello di cui vi parlerò oggi: qual’è l’undicesima ragione per essere ottimisti. Il direttore di Discover ci ha parlato di 10, io sto per darvi l’undicesimo.

0:35Sono venuti quelli della CNN e mi hanno detto: “Professor Seligman, cosa ci dice della situazione della psicologia oggi? La intervisteremo su questo.” E io ho detto: “Grandioso” E lei disse: ” Siamo la CNN, ci può solo dare un battuta ad effetto.” E io: “Bene, quante parole posso dire?” E lei disse: “Bhe, una.”

0:57(Risate)

0:58La camera gira, e mi dice:”Professor Seligman, qual’è la situazione della psicologia oggi?” “Ottima”

1:08(Risate)

1:10“Taglia, taglia … non va.” “Veramente le vorremmo dare qualcosa in più”” “Bene, quante parole posso usare ora?” “Penso vadano bene due.” Dottor Seligman, qual’è la situazione della psicologia oggi?” “Non buona”

1:29(Risate)

1:38“Guardi, Dottor Seligman, mi sembra che non si trovi bene con questo mezzo. Sarebbe meglio darle una vera battuta ad effetto. Questa volta facciamo tre parole. Professor Seligman, qual’è lo stato della psicologia oggi?” “Non abbastanza buona.” E di questo vi voglio parlare.

1:59Vi dirò perché la psicologia sta bene e perché sta male e come nei prossimi dieci anni potrà diventare abbastanza buona. E nello stesso tempo, voglio fare un parallelo con la tecnologia, con l’intrattenimento e la progettazione, perchè i problemi sono simili.

2:16Allora perché la psicologia va bene? Bene, per più di 60 anni, la psicologia ha lavorato sull’idea della malattia. 10 anni fa, quando ero in aereo e presentandomi al compagno di viaggio, dicevo del mio lavoro,si allontanava da me. E perchè, giustamente, dicevano gli psicologi cercano che cosa hai di sbagliato. Cercano il pazzo. E ora quando dico quello che faccio, le persone si avvicinano.

2:44E quello che va bene per la psicologia, e per i 30 miliardi investiti dal NIMH, e lavorare sull’idea della malattia, di quello che voi pensate che sia la psicologia, ѐ che 60 anni fa nessun disturbo era curabile …era tutto nebbioso, un miraggio. Ora 14 disturbi sono trattabili e due di questi curabili.

3:06E un’altra cosa capitata sono stati i progressi della scienza, la scienza delle malattie mentali. Ora prendiamo concetti confusi come depressione, alcolismo, e li misuriamo con precisione. Abbiamo creato una classificazione delle malattie mentali. Possiamo capire le cause delle malattie mentali. Possiamo guardare le stesse persone mentre il tempo passa persone, per esempio, che sono geneticamente predisposte per la schizofrenia, e capire il contributo della genetica, e possiamo isolare terze variabilifacendo esperimenti sulle malattie mentali.

3:50E la cosa migliore, in questi 50 anni, siamo stati capaci ad inventare farmaci e trattamenti psicologici, e misurarli accuratamente confrontandoli con le soluzioni placebo… selezionando tra le alternative che funzionano e che non funzionano.

4:09La conclusione è che psichiatria e psicologia, in questi ultimi 60 anni, possono dire che rendono gli infelici meno infelici. Ritengo questa cosa straordinaria. Ne sono orgoglioso. Ma quello che non va, le conseguenze di ciò, sono tre cose.

4:34La prima è morale… psicologi e psichiatri diventarono vittimisti, “patologisti”; nel nostro modo di vedere, se hai un problema, una disgrazia si è abbattuta su di te. Dimenticando che le persone fanno scelte e decisioni. Dimenticando la responsabilità. Questo è stato il primo costo.

4:52Il secondo costo è che ci siamo dimenticati di voi, delle persone. Ci siamo dimenticati di migliorare le vite normali. Dimenticando la missione di rendere le persone relativamente serene, più felici, più soddisfatte, più produttive, e genio, talento, diventarono brutte parole. Nessuno lavora per questo.

5:14Il terzo problema sul modello della malattia è nella fretta di fare per chi è in difficoltà, nella fretta di riparare i danni, non ci e mai capitato di sviluppare metodi che rendono le persone più felici, interventi positivi.

5:33E questo non andava bene. E questo ha portato persone come Nancy Etcoff, Dan Gilbert, Mike Csikzentmihaly e me a lavorare a ciò che chiamo psicologia positiva, che ha tre scopi. Il primo è che la psicologia dovrebbe occuparsi nello stesso modo delle potenzialità umane come delle debolezze. Deve impegnarsi a sostenere le potenzialità come fa per riparare i danni. Dovrebbe interessarsi delle cose migliori nella vita, e dovrebbe essere egualmente preoccupata a rendere le vite normali più soddisfacentie con il genio, con il nutrire il grande talento.

6:15Così negli ultimi 10 anni e spero nel futuro, abbiamo visto l’inizio della scienza della psicologia positiva:una scienza che rende la vita degna di essere vissuta. Risulta che possiamo misurare diverse forme di felicità. E ognuno di voi, gratis, può visitare questo sito e sottoporsi a tutti i test sulla felicità. Potete chiedere come sviluppare le emozioni positive, per il significato, per il flusso, veramente insieme a migliaia di altre persone? Abbiamo creato l’opposto del manuale diagnostico dei disturbi mentali: una classifica delle capacità e virtù anche in rapporto al sesso, come si definiscono, come si individuano, che cosa li costruisce e cosa li ostacola. Abbiamo trovato che possiamo scoprire le cause degli stati positivi,la relazione tra l’attività dell’emisfero sinistro e l’attività dell’emisfero destro come causa di felicità.

7:19Ho trascorso la mia vita lavorando con persone veramente infelici, e mi sono chiesto, che cosa rende queste persone infelici diverse da tutti voi? Sei anni fa, me lo sono chiesto riguardo alle persone molto felici, in che cosa sono diverse da tutti voi? E abbiamo trovato una cosa. Non sono più religiose, non sono più in salute, non sono più ricche, non sono più belle, non hanno piu eventi piacevoli e meno disgrazie. C’è una sola differenza: sono molto socievoli. Non stanno seduti ai seminari il sabato mattina.(Risate) Non trascorrono del tempo da soli. Ognuno di loro ha una relazione d’amore e ognuno ha numerosi amici.

8:05Però osservate. Questi sono semplicemente dati correlati, non la causa, riguarda la felicità, nel senso Hollywoodiano del termine, ora ve ne parlo: la felicità dell’esuberanza, delle risate e dell’allegria. E vi dirò che anche questo non basta in certe situazioni. Abbiamo guardato alle possibilità pensate durante i secoli, da Buddha a Tony Robbins. Circa 120 intervenzioni sono state proposte che possono fare felici le persone. Abbiamo visto che molti possono essere realizzate praticamente, li abbiamo applicati assegnandoli casualmente valutandone l’efficienza e l’efficacia. Quali, realmente rendono più a lungo, le persone felici? In due minuti vi dirò alcuni risultati.

8:53Ma la conclusione è la missione che la psicologia deve avere, in aggiunta a quella di curare le malattie mentali, in aggiunta alla sua missione di rendere le persone infelici meno infelici, può la psicologia rendere le persone più felici? E per fare la domanda … non uso spesso la parola felicità .. abbiamo dovuto considerare solo le parti che rientrano nel concetto ‘felicità’. Credo ci siano tre parti diverse … le chiamo diverse perchè modalità diverse le costruiscono, ed è possibile che ci sia una senza l’altra … tre diverse vite felici. La prima è la vita piacevole. é la vita nella quale tu hai quante più possibili emozioni piacevoli, e la capacità di aumentarle. La seconda è la vita dell’impegno: la vita del tuo lavoro, dei figli, dell’amore, del tempo libero, il tempo si ferma per te. Anche Aristotele ne aveva parlato. La terza, la vita con un significato. Vi dirò qualcosa riguardo a ciascuna di loro e ciò che sappiamo al riguardo.

10:01La prima, la vita piacevole ed è semplicemente il meglio che troviamo, è avere più piaceri possibili, più emozioni positive possibili, imparando le capacità, per gustarle, apprezzarle, per aumentarle, ed estenderle nel tempo e nello spazio. Ma la vita piacevole ha tre inconvenienti, per questo la psicologia positiva non è “feliciologia” e non si ferma qui.

10:30Il primo inconveniente riguardo alla vita piacevole, è che l’esperienza delle emozioni positive, è ereditabile, al 50% ereditabile, e non modificabile. Così i trucchi che Matthieu, io e altri conosciamo per aumentare la quantità di emozioni positive nella vostra vita, possono farlo per il 15% al massimo 20%. Il secondo è che ci si abitua alle emozioni positive. Ci si abitua rapidamente. Il piacere di un gelato alla vaniglia, al primo assaggio è 100%, ma quando arrivi al sesto, il piacere se ne è andato. E come già detto non è molto modificabile.

11:18Così arriviamo alla seconda vita. E vi parlo del mio amico, Len, e vi dico perchè la psicologia positiva è meglio delle emozioni positive, di più che costruire piacere. In due delle grandi arene della vita, quando aveva 30 anni, Len aveva un successo enorme. La prima arena era il lavoro. Dall’età di 20 anni commerciava in azioni. Già a 25 anni era multimilionario e guidava una società di trading. La seconda, nel gioco: era campione nazionale di bridge. Ma nella terza arena della vita, l’amore, Len era un fallimento colossale La ragione era che Len è un pesce lesso. (Risate)

12:09Len è introverso. Le donne americane, quando lo incontrano, gli dicono, non sei simpatico, non hai emozioni positive. Lasciamo perdere. Len era abbastanza ricco per avere uno psicanalista a Park Avenue, che per cinque anni cercò di scovare i traumi sessuali che tenevano bloccate dentro di lui le emozioni positive. Ma si scoprì che non aveva alcun trauma sessuale. Venne fuori che Len era cresciuto a Long Island e aveva giocato e guardato il football e che giocava a bridge. Len è in quel 5% che ha problemi con le emozioni positive.

12:53La domanda è, Len è infelice? E io rispondo no. Al contrario di ciò che dicono gli psicologi sul secondo 50% dell’umanità nell’affettività positiva, io credo Len una delle persone più felici che conosco. Non è relegato nell’inferno dell’infelicità perchè Len, come gran parte di voi, ha una enorme capacità di flusso.Quando entra all’American Exchange alle 9,30 del mattino, il tempo per lui si ferma. E si ferma fino alla campana di chiusura. Da quando gioca la prima carta, per tutti i 10 giorni di durata del torneo, il tempo si ferma per Len.

13:30E questo è ciò che ha detto Mike Csikszentmihalyi, riguardo al flusso che è molto diverso dal piacere in tutti i sensi. Il piacere è un sentire rosso: senti che accade. E’ pensiero e sensazione. Ma come ha detto Mike ieri, durante il flusso, non senti nulla. Sei tutto ciò che accade. Il tempo si ferma. Hai una concentrazione estrema. Questa è una caratteristica di ciò che intendiamo per vita felice. E pensiamo che ci sia una ricetta: sapere quali sono i tuoi pregi. E c’è un test valido di quali sono i vostri 5 più importanti punti di forza. Quando ri-create la vostra vita, usateli più che potete. Ri-create il vostro lavoro, il vostro amore, i vostri divertimenti, le vostre amicizie, il rapporto con i figli.

14:26Solo un esempio: ho lavorato con un’impiegata della catena Genuardi. Odiava il suo lavoro. Lo aveva trovato grazie al college. La sua qualità migliore era l’intelligenza sociale, così ha ri-creato il suo lavoro cercando di valorizzare il suo rapporto quotidiano con i clienti. Ora naturalmente se ne è andata. Ma ciò che ha fatto è stato di prendere la sua migliore capacità e ri-creare il lavoro usandola il più possibile. Che cosa potete ricavare da ciò che non sia piacevole Non vi ricorda Debbie Reynolds. Non è che dovete ridere. E’ che vi concentrate di più. Questo è il secondo modo. Il primo sono le emozioni positive. Il secondo è il flusso, l’eudemonia.

15:13E il terzo modo è il significato. Questo, tradizionalmente è più importante della felicità. Il significato in questa visione è parallelo all’eudemonia, e consiste nel conoscere le tue migliori capacità e usarlemettendole al servizio di qualcosa di più importante di te.

15:38Ho detto che per tutti e tre i tipi di vita, la vita piacevole, la vita felice, e la vita con un significato, stiamo lavorando per capire una cosa, c’è qualcosa che possa cambiare in modo duraturo queste vite? E sembra che la risposta sia SI. E vi darò qualche esempio. Fatto in modo rigoroso. Fatto nello stesso modo usato per capire come funzionano le droghe. Con assegnamenti casuali, controllo del placebo,studi a lungo termine delle diverse possibilità. Per capire quali tipi di intervento possono dare risultati concreti, Abbiamo insegnato alla persone per la vita piacevole come avere più piacere nella loro vita,abbiamo insegnato a prendere consapevolezza delle loro capacità di godere, e a progettare una bellissima giornata. Il prossimo sabato, scegliete una giornata e progettatevi una bellissima giornata, e usate il gusto della consapevolezza per aumentare i vostri piaceri. Abbiamo visto che in questo modo la vita piacevole si amplifica.

16:49La visita del ringraziamento. Ora voglio che la facciate con me, se volete. Chiudete gli occhi. E ricordate qualcuno che ha fatto qualcosa di veramente importante per cambiare la vostra vita in una direzione migliore, e che non avete mai veramente ringraziato. La persona deve essere viva. OK. Ora, potete aprire gli occhi. Spero che tutti abbiate una persona così. Il compito, per imparare a fare la visita di ringraziamento è di scrivere 300 parole di ringraziamento alla persona, chiamarla al telefono a Phenix,chiedere di poterla visitare, senza un perchè, comparire alla sua porta, e leggere il ringraziamento … tutti piangono quando succede … e che cosa succede quando controlliamo una settimana, un mese dopo, tre mesi dopo, sono più felici e meno depressi.

17:51Un altro esempio è la data della forza quando con le coppie cerchiamo i loro punti di forza con il test della solidità, e poi progettiamo un sera nella quale entrambi provano la loro solidità, e con questo vediamo la solidità della relazione. E il piacere per la solidarietà. Ma è ancora meglio essere in un gruppo,nel quale molti hanno dedicato la loro vita alla solidarietà. I miei studenti universitari e chi lavora con me ancora non lo hanno capito, così abbiamo persone che fanno qualcosa di altruistico e fanno qualcosa di divertente, per contrastarlo. Abbiamo visto che quando fai qualcosa di divertente, il risultato è un’onda quadra. Quando fai un gesto altruistico per aiutare qualcuno, continua e continua. Questi sono esempi di interventi che funzionano.

18:41E ora l’ultima cosa che vi voglio dire vogliamo capire quanta soddisfazione hanno le persone nella vitaquesto è il nostro interesse. Questo è ciò che cerchiamo di capire. E ci sembra che la cosa sia funzione di tre diversi modi di vivere, quanta soddisfazione puoi avere dalla vita? Così abbiamo chiesto in 15 fasi successive, a migliaia di persone fino a che punto la ricerca del piacere, la ricerca di emozioni positive, di vita piacevole, di ricerca di impegno, di fermare il tempo e la ricerca del significato, danno la soddisfazione di vivere”

19:18I risultati ci hanno sorpreso, erano diversi da quelli che ci aspettavamo. E’ risultato che la ricerca del piacere non da alcuna soddisfazione alla vita. La ricerca del significato è la più forte. E anche la ricerca dell’impegno è molto forte. E la soddisfazione è massima se mettete insieme l’impegno e il significato, è come avere la ciliegina sulla torta. Vale a dire una vita piena, la somma è maggiore delle parti se le metti insieme. Al contrario, se non hai nessuna delle tre, la vita vuota, la somma è meno di ogni parte.

19:55E ciò che ci chiediamo ora è cosa potrebbe accadere con la salute fisica, le patologie, la durata della vita e la produttività, se ci fosse la stessa relazione? E’ così, è un tutto unico, la produttività è funzione delle emozioni positive, dell’impegno, del significato? La salute è funzione di un impegno positivo, del piacere, del significato della vita? E c’è ragione di pensare che la risposta a queste domande sia un bel SI.

20:27Cris ha detto che l’ultimo a parlare può integrare ciò che ha sentito, questo capita a me. Io non ho mai visto un convegno come questo. Non ho mai sentito relatori così impegnati e così convinti, e questa è una cosa da sottolineare. E io ho trovato che i problemi della psicologia sembrano paralleli ai problemi della tecnologia, dell’intrattenimento della progettazione nello stesso modo. Tutti noi sappiamo che la tecnologia, l’intrattenimento, la progettazione sono stati e possono essere usati con fini distruttivi.Sappiamo anche che tecnologia, intrattenimento e progettazione possono ridurre la sofferenza. Bisogna dire che la differenza tra ridurre la sofferenza e costruire la felicità è estremamente importante. Quando, 30 anni fa, ho iniziato come psicoterapeuta pensavo che era abbastanza bene rendere qualcuno non depresso, non ansioso, non arrabbiato, era come farli felici. Ora ho capito questo. Il meglio che si poteva fare era arrivare a zero. Ma restavano vuoti.

21:41Abbiamo capito che le capacità della felicità, del piacere di vivere, la doti dell’impegno, le qualità del significato, sono diverse dalla capacità di alleviare la sofferenza. E nello stesso modo vale il parallelo con la tecnologia, l’intrattenimento, la progettazione. E’ possibile per questi tre motori del nostro mondoaumentare la felicità, aumentare le emozioni positive, e per questo dovrebbero essere usate. Ma una volta che separate la felicità da quello che faccio, non ci sono emozioni positive … che sono già poco …non c’è flusso nella vita, non c’è significato nella vita. Come ci ha detto Lauralee, la progettazione, e io spero l’intrattenimento e la tecnologia possono essere usate per aumentare il senso e la passione per la vita.

22:34Così in conclusione, l’undicesima ragione di ottimismo, in aggiunta all’ascensore spaziale, io penso che con tecnologia, intrattenimento e progettazione, noi ora possiamo aumentare la quantità totale della felicità umana sul pianeta. E se la tecnologia nei prossimi 10, 20 anni aumenterà la vita piacevole, il piacere di vivere e il significato della vita, sarà abbastanza bene. Se l’intrattenimento potrà divertire e aumentare le emozioni positive, il significato, l’eudemonia, sarà abbastanza bene. E se la progettazione aumenterà le emozioni positive, l’eudemonia, l’entusiasmo, il significato, quello che stiamo facendo tutti insieme diventerà abbastanza buono. Grazie. (Applausi)

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...